Gli arbitri in campo con Actionaid contro la fame nel Mondo

001.jpg

ROMA – Negli stadi di calcio sabato 26 e domenica 27 ottobre gli arbitri si schierano a fianco di Operazione Fame, la campagna di ActionAid per assicurare cibo sano a oltre 10mila persone in estrema povertà in Brasile.

Fino al 31 ottobre si può dare un aiuto concreto con un sms solidale del valore di 2 euro al 45508.

Due giorni di mobilitazione negli stadi per dare un calcio alla fame. E’ l’iniziativa di solidarietà a favore di Operazione Fame, la campagna di informazione e raccolta fondi di ActionAid, patrocinata da FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio), Lega Calcio Serie A, AIA (Associazione Italiana Arbitri), AIAC (Associazione Italiana Allenatori Calcio), AIC (Associazione Italiana Calciatori) insieme a RAI e SKY. 

Su tutti i 10 campi di Serie A gli arbitri e gli assistenti con i 22 calciatori di ogni match scenderanno in campo con le magliette di Operazione Fame; tutti gli allenatori porteranno la spilla che invita a donare; gli speaker degli stadi inviteranno i tifosi a mandare un sms e in ogni campo i tre bambini che accompagnano i capitani entreranno con uno striscione di 9 metri con il logo della campagna. 

Anche la Serie B darà il suo aiuto contro la fame: in tutti i campi gli arbitri scenderanno in campo a inizio partita indossando la maglietta della Campagna.

“Aderiamo sempre con piacere a iniziative di sensibilizzazione che mirano a costruire un percorso di convivenza civile”, così spiega la scelta dell’AIA il Presidente Marcello Nicchi, che continua “quella di ActionAid lo è per definizione perché affronta un tema che è alla base della vita, direi della sopravvivenza umana nel mondo. Gli arbitri di calcio italiani fanno da sempre la loro parte nelle campagne di comunicazione sociale”.

Tre quarti delle persone che soffrono la fame – 652 milioni – infatti, vivono laddove il cibo si produce. Cambiare radicalmente questo modello fallimentare di produzione e distribuzione del cibo è l’obiettivo di Operazione Fame, la campagna di informazione e raccolta fondi di ActionAid a cui da oggi è possibile dare un contributo concreto con un sms solidale del valore di 2 euro al 45508 fino al 31 ottobre.

Un cucchiaio bucato è il simbolo della Campagna perché “La fame si combatte con gli strumenti giusti”. Un paradosso che serve a ribadire che il cibo c’è per tutti ma è necessario dare gli strumenti per accedere ad un’alimentazione sana e sufficiente a prezzi sostenibili. ActionAid in Brasile nella regione semi arida di Bahia, nell’ultimo anno messa in ginocchio da una eccezionale siccità, promuove un modello alimentare alternativo con l’obiettivo di dare a quasi 10.000 persone l’accesso al cibo, alla terra e alle risorse naturali necessarie per coltivare e poter uscire dalla povertà.

fonte aia-figc.it

Gli arbitri in campo con Actionaid contro la fame nel Mondoultima modifica: 2013-10-25T13:50:00+00:00da aicsgravina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento